Un veicolo autoguidato, altrimenti chiamato veicolo autogestito (AV), veicolo associato e autogestito (CAV), veicolo senza conducente, Robo-veicolo, o auto automatizzata, è un veicolo che è equipaggiato per rilevare la sua condizione e muoversi in modo sicuro con quasi zero input umani.

I veicoli a guida automatica si uniscono ad un assortimento di sensori per vedere il loro ambiente, ad esempio, radar, lidar, sonar, GPS, odometria e unità di stima inerziale. I quadri di controllo a propulsione traducono i dati tattili per distinguere i percorsi di montaggio, così come le ostruzioni e la segnaletica applicabile.

Il trasporto su autocarri a lunga distanza è considerato al limite della ricezione e dell’attualizzazione della tecnologia.

Definizione delle parole e contemplazioni di sicurezza

I veicoli odierni offrono punti salienti meccanizzati a metà strada, per esempio, mantenendo il veicolo all’interno del suo percorso, i controlli di velocità o le frenate di crisi. Indipendentemente da ciò, i contrasti rimangono tra un veicolo completamente indipendente da un lato e, dall’altro, il conducente aiuta le innovazioni. Come indicato dalla BBC, la perplessità tra queste idee porta alla morte.

Il rapporto dei garanti inglesi ritiene che l’uso della parola “self-ruling” nella pubblicità delle auto attuali sia rischioso alla luce del fatto che la pubblicità dei veicoli fa pensare ai conducenti che siano “indipendenti” e che “autopilota” significhi che un veicolo può guidare da solo quando, indipendentemente da ciò, dipende dal conducente per garantire il benessere. L’innovazione da sola non può ancora guidare il veicolo.

Nel momento in cui alcuni produttori di veicoli raccomandano o garantiscono che i veicoli siano auto-guidati quando sono solo parzialmente robotizzati, i conducenti hanno la possibilità di essere troppo sicuri, provocando incidenti, mentre le auto completamente auto-guidate sono ancora lontane nel Regno Unito.

Autosufficiente contro meccanizzato

L’autosufficienza implica l’autogoverno. Numerose imprese registrate identificate con la robotizzazione dei veicoli sono state computerizzate (programmate) e dipendono in larga misura da guide contraffatte nelle loro condizioni, come ad esempio le strisce attraenti. L’autogoverno del controllo suggerisce un’esecuzione appetibile in presenza di enormi vulnerabilità in natura e la capacità di compensare le delusioni del quadro senza interventi esterni.

Un approccio è quello di attualizzare i sistemi di corrispondenza sia nella regione di pronto intervento (per l’evasione dei crash) che in quella più lontana (per il blocco della scheda). Tali impatti esterni nella procedura di scelta riducono l’autogestione di un singolo veicolo, pur non richiedendo l’intercessione umana.

Wood et al. (2012) hanno espresso: “Questo articolo, in generale, utilizza il termine “indipendente”, piuttosto che il termine “meccanizzato”. “L’espressione “autogestito” è stata scelta “sulla base del fatto che il termine è presente in un uso sempre più ampio (e lungo queste linee è progressivamente ben noto alla popolazione nel suo complesso). Comunque sia, l’ultimo termine sembra essere progressivamente preciso. Il termine “computerizzato” suggerisce il controllo o l’attività da parte di una macchina, mentre “autogestione” significa agire da solo o liberamente. La maggior parte delle idee di veicoli (di cui siamo ormai consapevoli) hanno un individuo al posto di guida, utilizzano una corrispondenza associata alla Nuvola o a diversi veicoli, e non scelgono autonomamente obiettivi o corsi per contattarli. In questo modo, il termine “meccanizzato” ritrarrebbe tanto più precisamente questi concetti di veicolo”. A partire dal 2017, la maggior parte delle imprese si è concentrata su veicoli robotizzati che non parlavano con veicoli diversi o con il sistema di bordo. EuroNCAP caratterizza l’autogoverno in “Autogestione della frenata di crisi” come: “il quadro dimostrativo dimostra liberamente al conducente di stare lontano o di alleviare l’inconveniente”, il che suggerisce che il quadro indipendente non è il conducente.

Autosufficiente contro piacevole

Per consentire a un veicolo di andare senza conducente installato all’interno del veicolo, alcune organizzazioni utilizzano un conducente remoto.

Secondo la norma SAE J3016,

Alcuni sistemi di meccanizzazione di guida possono, in realtà, essere autosufficienti nel caso in cui svolgano l’intera capacità in modo libero e indipendente, tuttavia, nella remota possibilità che si affidino alla corrispondenza o alla potenziale partecipazione con sostanze esterne, dovrebbero essere considerati gradevoli invece di autogovernarsi.

Veicolo autoguidato

La rivista PC Magazine caratterizza un veicolo a guida automatica come “un veicolo controllato da PC che si guida da solo”[47] L’Associazione dei ricercatori interessati esprime che le auto a guida automatica sono “veicoli o camion in cui i conducenti umani non sono mai tenuti a prendere il controllo per far funzionare il veicolo in modo sicuro”. Altrimenti chiamati auto auto auto autosufficienti o “senza conducente”, essi si uniscono ai sensori e alla programmazione per controllare, esplorare e guidare il veicolo”.