Cos’è una curva a campana?

Una curva a campana è il tipo di distribuzione più comune per una variabile ed è quindi considerata una distribuzione normale. Il termine “curva a campana” deriva dal fatto che il grafico utilizzato per rappresentare una distribuzione normale è costituito da una linea a forma di campana. Il punto più alto della curva, o la cima della campana, rappresenta l’evento più probabile in una serie di dati, mentre tutte le altre possibili occorrenze sono equamente distribuite intorno all’evento più probabile, creando una linea che scende verso il basso su ogni lato del picco.

Cosa ti dice una curva a campana?

TIl termine curva a campana è usato per descrivere una rappresentazione grafica di una normale distribuzione di probabilità, le cui deviazioni standard sottostanti creano la forma curva della campana. Una deviazione standard è una stima utilizzata per valutare l’incostanza della dispersione delle informazioni, in molte qualità date. Il “significare” allude alla normale di tutte le informazioni che si concentrano nella raccolta o nella disposizione delle informazioni.

Gli analisti finanziari e gli specialisti finanziari utilizzano spesso una tipica disseminazione di probabilità quando si tratta di scomporre i profitti di un titolo o dell’affettabilità del mercato in generale. Nel fondo, le deviazioni standard che descrivono i profitti di un titolo sono note come imprevedibilità.

Per esempio, le azioni che mostrano una curva a campana sono normalmente azioni di tipo “blue-chip” e quelle che hanno una minore imprevedibilità e standard di condotta sempre più insospettabili. Gli speculatori utilizzano l’ordinaria dispersione di probabilità del passato di un titolo per fare supposizioni sui rendimenti futuri attesi.

Nonostante gli educatori che utilizzano una curva a campana quando contrappongono i punteggi dei test, la curva a campana è spesso utilizzata anche nel campo delle misurazioni, dove tende ad essere ampiamente applicata. Anche le curve a campana vengono di tanto in tanto utilizzate in esecuzione della scheda, mettendo i lavoratori che svolgono la loro attività in modo normale nella diffusione ordinaria del grafico. Gli operai superiori e gli animatori più minimali sono interpellati da entrambi i lati con l’inclinazione in discesa. Può essere molto utile per le organizzazioni più grandi quando si fanno indagini sull’esecuzione o quando ci si accontenta di scelte amministrative.

Esempio di come utilizzare una curva a campana

Una curva a campana utilizza le deviazioni standard, che vengono determinate dopo la determinazione della media, e parla ad un livello di tutte le informazioni raccolte. Su una curva a campana, per esempio, se si raccolgono 100 punteggi di prova e li si utilizza in una tipica dispersione di probabilità, il 68% di questi punteggi dovrebbe rientrare in una deviazione standard al di sopra o al di sotto della media. Spostare due deviazioni standard dalla media dovrebbe incorporare il 95% dei 100 punteggi dei test raccolti. Spostando tre deviazioni standard dalla media si dovrebbe parlare al 99,7% dei punteggi.

I punteggi dei test che sono eccezioni scandalose, per esempio, un punteggio di 100 o 0, sarebbero visti come informazioni a coda lunga focalizzate che quindi si trovano in modo sano al di fuori delle tre deviazioni standard si estendono.

La differenza tra una curva a campana e le distribuzioni non normali

L’ordinaria presunzione di diffusione delle probabilità non rimane generalmente costante nel mondo monetario, sia come sia. È possibile che le azioni e le diverse protezioni mostrino di tanto in tanto stanziamenti atipici che trascurano di prendere dopo una curva a campana.

Gli stanziamenti non tipici hanno una coda più grassa rispetto a quella di un’inanellatura (probabilità ordinaria). Una coda più grassa che fa capire agli specialisti finanziari che c’è una probabilità più degna di nota di rendimenti negativi.

Limitazioni dell’uso di una curva a campana

La valutazione o il rilevamento dell’esecuzione utilizzando una curva a campana permette di classificare gli individui come poveri, normali o grandi. Per i raduni più piccoli, la classificazione di un certo numero di persone in ogni classificazione per adattarsi a una curva a campana arrecherà un danno alle persone. Come in alcuni casi possono essere tutti semplicemente normali o anche grandi lavoratori o sostituti, ma data la necessità di adattare la loro classificazione o le loro valutazioni a una curva a campana, alcune persone sono vincolati nel gruppo povero.distribuzioni che trascurano di prendere dopo una curva a campana.

Le dispersioni non ordinarie hanno code più grasse di una curva a campana (probabilità tipica) di diffusione. Una coda più grassa che si inclina verso il segno negativo per gli speculatori che c’è una maggiore probabilità di ritorni negativi.