scatterplot

Rappresentazione

Altrimenti detto grafico di dispersione, grafico a punti, grafico a X-Y, diagramma di dispersione o diagramma di dispersione.

Gli scatterplot utilizzano una raccolta di focus messi a punto utilizzando le Coordinate Cartesiane per mostrare la stima di due fattori. Mostrando una variabile in ogni pivot, è possibile identificare se esiste una relazione o una connessione tra le due variabili.

Diversi tipi di connessione possono essere decifrati attraverso gli esempi mostrati su Scatterplots. Questi sono: sicuro (i valori aumentano insieme), negativo (uno che vale la pena di abbattere come diverse costruzioni), non valido (nessuna relazione), dritto, esponenziale e modellato a U. La qualità della relazione può essere dettata da come i focus sono saldamente premuti l’uno verso l’altro sul grafico. I focus che finiscono molto al di fuori del gruppo generale dei focus sono noti come anomalie.

Le linee o le curve sono inserite all’interno del grafico per facilitare l’indagine e sono attratte il più vicino possibile a ciascuno dei fuochi, come ci si potrebbe aspettare in queste circostanze, e per dimostrare come ognuno dei fuochi si sarebbe consolidato in una linea solitaria. Questa è regolarmente nota come Linea di Best Fit o Linea di tendenza e può essere utilizzata per fare stime tramite interpolazione.

Gli scatterplot sono perfetti quando si dispone di informazioni numeriche combinate ed è necessario verificare se una variabile ha effetti sull’altra. Sia come sia, ricordate che la relazione non è una causalità e che un’altra variabile non notata potrebbe avere un impatto sui risultati.