L’Internet delle cose – Che cos’è?

Ci sono miliardi, se non trilioni di dispositivi fisici in tutto il mondo. La maggior parte di essi condivide e raccoglie dati grazie alla loro connessione a Internet. Tutti questi dispositivi sono IOT o, Internet delle cose. Per chi non lo sapesse, i chip per computer erano inizialmente super costosi. Fortunatamente, c’è stato un significativo calo dei loro prezzi, che li ha resi facilmente disponibili.

Combinate l’abbondanza di reti wireless e di chip per computer, e potrete trasformare qualsiasi cosa massiccia come un aereo o minuscola come una pillola in una parte della vasta directory dell’Internet degli oggetti. L’aggiunta di sensori e la connessione di vari oggetti richiede un alto livello di intelligenza digitale. In questo modo si potrebbe contribuire a far sì che i dispositivi possano comunicare i dati in tempo reale senza il coinvolgimento dell’uomo. Sarebbe giusto affermare che l’Internet degli oggetti sta trasformando il tessuto del mondo, rendendo tutto ciò che ci circonda più reattivo e più intelligente. È uno strumento eccellente per fondere universi fisici e digitali.

Esempi di IoT

Gli esperti possono trasformare quasi tutto in un dispositivo Internet of Things, purché si connetta a Internet. È possibile utilizzare un’applicazione per smartphone per accendere una lampadina, rendendola un dispositivo IoT. I termostati intelligenti sono anche nella categoria dei gadget dell’internet degli oggetti, in quanto contengono sensori di movimento. Qualcosa di carino come un giocattolo per bambini o massiccio come un camion senza conducente può anche essere un dispositivo Internet delle cose.
Alcuni oggetti di grandi dimensioni potrebbero avere diversi piccoli componenti dell’internet degli oggetti. In particolare, i moderni motori a reazione contengono centinaia di sensori che trasmettono e raccolgono dati in tempo reale, garantendo il loro funzionamento con la massima efficienza.

Gli ingegneri usano principalmente la terminologia “IOT” per indicare i dispositivi che di solito non contengono una connessione a Internet. Tuttavia, devono avere la capacità di comunicare senza interferenze umane. È un motivo significativo per cui gli smartphone e i personal computer non rientrano nell’ambito dell’IoT. Tuttavia, i dispositivi indossabili, come le fasce per il fitness e gli smartwatch, possono essere considerati gadget basati sull’IoT.

Una breve storia dell’internet degli oggetti

Da decenni si discute l’idea di aggiungere intelligenza e sensori agli oggetti ordinari. Tuttavia, oltre ad alcuni progetti iniziali, i progressi sono stati dolorosamente lenti e sembrava che l’internet degli oggetti non sarebbe mai diventato una realtà. I chip negli anni ’80 e ’90 erano troppo ingombranti e gli oggetti non potevano inviare e ricevere dati in modo efficace.
Come discusso in precedenza, i processori erano piuttosto costosi in passato. Tuttavia, l’introduzione dei tag RFID e dell’IPVv6 ha dato il via alla rivoluzione dell’internet degli oggetti. Non era affatto vicina a quella che abbiamo oggi, ma era essenziale per un inizio. Il visionario tecnologo Kevin Ashton era alla base del termine “Internet delle cose”. Anche se ha coniato il nome nel 1999, ci sono voluti più di dieci anni perché gli ingegneri e la tecnologia si mettessero al passo con quello che lui e molti altri individui che la pensavano come lui e altri.

Come è iniziato tutto

Il primo utilizzo dell’internet degli oggetti è stato il collegamento di tag RFID a dispositivi costosi per la localizzazione. I prezzi dell’aggiunta di connessione internet e sensori agli oggetti continuano a scendere. Gli esperti ritengono che in futuro la funzionalità fondamentale potrebbe costare da cinque a dieci centesimi. Gli ingegneri si aspettano che gli ingegneri colleghino l’internet degli oggetti a quasi tutto.
L’internet degli oggetti è stato eccellente per la produzione e le imprese. L’applicazione della tecnologia in questi campi è nota anche come M2M (machine-to-machine.) Tuttavia, anche gli uffici e le case con dispositivi intelligenti stanno utilizzando l’Internet degli oggetti per vari motivi. Sarebbe giusto dire che le moderne applicazioni dell’internet degli oggetti sono rilevanti per quasi tutti.

L’immensa grandezza dell’internet degli oggetti

L’Internet delle cose è una tecnologia in rapida crescita. Saresti sorpreso di vedere che collega più dispositivi rispetto alle persone. IDC, una rinomata società di analisti tecnologici, afferma che potrebbero esserci più di quaranta milioni di dispositivi basati sull’internet degli oggetti in cinque o sei anni. Prevede anche che le apparecchiature automobilistiche e industriali rappresenteranno un’enorme opportunità di gadget o “cose” collegate.
Gartner, un’altra organizzazione di gestione dei servizi IT, prevede che i settori automobilistico e aziendale potrebbero rappresentare quasi sei milioni di dispositivi entro il 2020. Sorprendentemente le utility utilizzeranno al massimo le IOT, grazie alla produzione sempre crescente di contatori intelligenti. Telecamere web, gadget per il rilevamento di intrusi e vari altri dispositivi di sicurezza potrebbero essere i secondi utenti di Internet of Things. Anche l’automazione degli edifici, l’industria automobilistica e quella sanitaria trarranno il massimo vantaggio dall’Internet degli oggetti.

L’internet degli oggetti per le imprese – Quali sono i vantaggi

I vantaggi per le imprese dipendono dalla loro specifica implementazione. Efficienza e agilità sono probabilmente le considerazioni più importanti. Le imprese desiderano avere accesso a tutti i dati possibili relativi ai loro sistemi e prodotti interni. Perché? Perché migliorerà la loro capacità di implementare i cambiamenti in modo efficiente e puntuale.
Numerosi produttori hanno iniziato ad aggiungere sensori ad alcuni dei loro prodotti di recente. Lo hanno fatto per ricevere dati relativi alle prestazioni. Questo li aiuterebbe a migliorare i prodotti futuri analizzando i problemi trasmessi dai sensori. Le aziende possono anche utilizzare i dati per migliorare l’efficienza della loro catena di fornitura e del sistema, poiché avranno statistiche ufficiali su ciò che sta accadendo esattamente.

L’Internet delle cose può essere vantaggioso per i consumatori

L’internet degli oggetti sta diventando sempre più sofisticato. Promette di migliorare i nostri veicoli, uffici, case e ambiente in modo più misurabile e intelligente. Ad esempio, altoparlanti intelligenti come Google Home e Amazon’s Echo sono eccellenti per riprodurre musica, ottenere informazioni rilevanti e impostare i timer con facilità.

Troverete anche numerosi sistemi di sicurezza domestica che vi permettono di monitorare ciò che accade fuori e dentro casa. Alcuni di essi consentono anche di vedere e parlare con i visitatori. Le persone possono ora utilizzare i termostati intelligenti per riscaldare la casa prima di rientrare.

Le lampadine intelligenti contengono anche la tecnologia Internet of Things, che consente di accendere o spegnere facilmente le luci con lo smartphone. Se guardiamo oltre le case, i sensori sono eccellenti per capire l’entità dell’inquinamento o del rumore nel nostro ambiente. Le città intelligenti e le auto che si guidano da sole potrebbero trasformare il modo in cui gestiamo e costruiamo i nostri spazi pubblici. Detto questo, la maggior parte di queste invenzioni innovative potrebbero avere implicazioni significative per la nostra privacy.